Shimano utilizza alcuni cookie temporanei, che consentono di ricordare l’utente mentre naviga sul nostro sito Web. Consentiamo inoltre a terzi (in particolare a Google) di utilizzare sui nostri siti Web i cookie analitici (sia temporanei che permanenti) al fine di raccogliere informazioni aggregate relative alle parti del nostro sito visitate più di frequente e di tenere monitorate le nostre pubblicità. Proseguendo la navigazioni accetti l'utilizzo dei cookie.

OK

Pubblicato il 13-04-2012 in Magazine

LA CARPA DELL’ANNO

L’inghilterra è la patria del Caprfishing, la terra dove questa tecnica è nata e dove continua a svilupparsi e a proiettarsi verso il futuro. La fauna subacquea dei laghi della terra di Albione è molto diversa dalla nostra; è raro trovare grandi carpe nello stesso specchio d’acqua ed in media le dimensioni sono nettamente inferiori rispetto a quelle del resto d’Europa.

Anche la filosofia di pesca è diversa.

Un solo pesce, ricercato, studiato e insidiato per molto tempo, vale molto di più in confronto ad una sola uscita con molte catture. E’ la filosofia di Richard Griffiths, impiegato Shimano Normark nel Regno Unito, con l’incarico di sviluppare nuovi prodotti. Un anno e mezzo di attesa per risucire a portare fuori dall’acqua e dalle insidie lacustri Jona, questo è il nome della carpa più grande della contea del Shropshire e della carpa dell’anno, fino ad oggi. “E’ una questione di Rispetto”, ci dice Richard in una chiacchierata durante l’ultimo Efftex; “L'ultima volta che Jona è stata pescata risale a Luglio dello scorso anno e pesava 44lb (poco meno di 20kg n.d.a.). E’ una carpa furba e sa riconoscere le insidie, sa come difendersi, è diffidente e seleziona attentamente il cibo. Non è come rubare delle caramelle ad un bambino e questo la rende speciale. Non mi interessa pescare 10 carpe in due ore, la soddisfazione non sarebbe la stessa.

Richard, in una intervista rilasciata al magazine britnannico AnglingTimes, ci parla della sua esperienza: “Quando sono arrivato sul posto, ho sentito dire che un po’ di pesci erano stati pescati in un angolo del lago, quindi ho deciso di spostarmi dalla parte opposta dell’acqua per sfuggire alla pressione degli altri pescatori.”

Dopo una rapida occhiata, Richard sceglie il luogo adatto, una macchia chiara vicino ad un ramo che corre all’interno del lago. Dopodichè pastura con tre barattoli di vermi sia vivi che morti, insieme a una piccola quantità di Dynamite Baits Frenzied Maize.

Durante la notte non è accaduto nulla, ma la mattina seguente ho effettuato una cattura da urlo con una specchi da 13 kg. Trenat minuti più tardi ero di nuovo a combattere; questa volta si trattava di una specchi da quasi 14 kg. Dopodichè ho perso un altro pesce che avevo allamato e ho deciso di pasturare ancora con dei vermi sullo spot scelto. Dopo un’ora ho avvertito una leggera mangiata da quello che sembrava ovviamente un pesce veramente grande. Sembrava che mi fossi agganciato al pavimento!

Il pesce è partito con una fuga poderosa, trascinando con se 55 metri di filo dal mio mulinello, iniziando poi ad arrancare. Appena si è avvicinata l’ho riconosciuta come la carpa più grande del lago, lasciandomi terribilmente nervoso per i rimanenti 15 minuti di combattimento.

Jona pesa 53lb e 8 once, abbondantemente oltre i 24kg e l'attrezzatura utilizzata per la sua cattura consiste in un mulinello Aero Technium e una Tribal Long Cast 12300.

Non sappiamo se il record di Richard resisterà per tutto il 2012, quel che è certo è che la bellezza di questo sport ci regala sempre delle storie bellissime da raccontare.