Shimano utilizza alcuni cookie temporanei, che consentono di ricordare l’utente mentre naviga sul nostro sito Web. Consentiamo inoltre a terzi (in particolare a Google) di utilizzare sui nostri siti Web i cookie analitici (sia temporanei che permanenti) al fine di raccogliere informazioni aggregate relative alle parti del nostro sito visitate più di frequente e di tenere monitorate le nostre pubblicità. Proseguendo la navigazioni accetti l'utilizzo dei cookie.

OK

Pubblicato il 07-09-2020 in Tutorial

TaiRubber: piccoli consigli, per una pesca divertente!!!

Per me il massimo della pesca è la ricerca del pesce da trofeo, ma oggi vi voglio parlare di una tecnica semplice, divertente ed estremamente catturante la pesca a tai rubber con i nostri baku baku.

Con questa tecnica si potranno catturare pesci prettamente di fondo, in particolare pagelli, pagri e scorfani.

 

Serve una canna col cimino estremamente sensibile che non si impicchi sotto il peso dell'esca e con una bella azione progressiva che permetta di pescare con fili sottili: io utilizzo la Technium tai rubber e la engetsu bb.

 

La prima la preferisco quando pesco un pochino più pesante e soprattutto quando guarnisco il baku baku con strisce voluminose; la seconda la prediligo in acqua più bassa, quando pesco con le esche nude o con le grammature più leggere.

 

Non bisogna preoccuparsi, io sono estremamente pignolo; potrete gestire molteplici situazioni e grammature con entrambe.

 

Come mulinello utilizzeremo dei piccoli rotanti di taglia 201 o 301 (ad esempio il nostro  Tranx 301) caricato con un trecciato piuttosto sottile: io uso kairiki dello 0,13 o dello 0,10 al quale collegheremo un terminale lungo intorno ai 3 metri in fluorocarbon (Ocea Leader o il nuovo Yasei Predator Fluoro) di diametro dallo 0,24 allo 0,40 a seconda della situazione e del fondale.

 

 

Ora veniamo all'esca; come dicevamo Shimano Baku Baku.

Il Baku è un kabura di nuova concezione, molto catturante, composto da una testa in piombo che è libera di muoversi lungo il finale e delle appendici in gomma che producono in acqua delle leggere vibrazioni, simili a quelle prodotte dalle zampe dei gamberi mentre si spostano sul fondo...

Si può pescare in due modi: o con una tecnica piuttosto dinamica fatta con le esche nude, oppure una pesca un pochino più statica fatta aggiungendo strisce di calamaro o altre esche al nostro baku baku.

 

Nel caso vogliate provare a pescare con le strisce di cefalopode vi lascio un piccolo trucchetto: modificate il baku baku allungando i suoi assist, in questo modo innescare la striscia risulterà più agevole.

 

 

 

Gianluca Aramini