Shimano utilizza alcuni cookie temporanei, che consentono di ricordare l’utente mentre naviga sul nostro sito Web. Consentiamo inoltre a terzi (in particolare a Google) di utilizzare sui nostri siti Web i cookie analitici (sia temporanei che permanenti) al fine di raccogliere informazioni aggregate relative alle parti del nostro sito visitate più di frequente e di tenere monitorate le nostre pubblicità. Proseguendo la navigazioni accetti l'utilizzo dei cookie.

OK

Pubblicato il 28-12-2015 in Prodotto

Dallo spinning leggero in laghetto all'Area Game con Cardiff Roll Swimmer

Quando si parla di pesca a spinning alla trota in laghetto, l’artificiale che viene subito in mente è l’ondulante, è infatti sicuramente l’esca più versatile in assoluto, ci permette infatti di pescare in qualsiasi livello della colonna d’acqua adattandoci alla situazione del momento.

Negli ultimi anni, seguendo quanto avviene in Giappone,  la tendenza è stata quella di una netta riduzione delle dimensioni dell’artificiale con l’obiettivo di andare ad essere efficaci anche in piccoli specchi d’acqua con un’altissima densità di pescatori e nei quali le trote, altamente disturbate, non sarebbero sicuramente spinte ad inseguire artificiali di taglia per così dire “normale”. Praticamente la situazione di quasi tutti i laghetti da trota sparsi sul nostro territorio.


Il Cardiff Roll Swimmer è sicuramente il mio preferito per questo utilizzo, frutto dello studio del famoso ingegnere giapponese Hajime Murata, è a prima vista un artificiale molto semplice nelle forme, ma ad un’attenta analisi e soprattutto utilizzandolo in pesca ne andremo a scoprire ed apprezzare le incredibili doti.


Proposto in tre grammature, 1.8 2.5 e 3.5 grammi, unisce alle piccole dimensioni una lanciabilità inaspettata permettendoci di sondare facilmente una grande quantità di acqua, ma la caratteristica sicuramente più interessante e incisiva è la possibilità di recuperarlo anche a basse e bassissime velocità mantenendo un’azione di nuoto altamente adescante. Questa importantissima caratteristica ci permetterà, una volta lanciato, di poter farlo affondare fino a raggiungere la profondità desiderata, in cui crediamo stazionino le trote, per poi recuperarlo lentamente in modo che non risalga verso la superficie dopo pochi giri di manovella.

Le 10 colorazioni in cui è proposto coprono qualunque esigenza ci si presenti, passiamo infatti dai classici oro e argento ai modernissimi fluo, rosa, arancio e giallo passando per gli intramontabili nero e bianco, una gamma colori completa e di alta qualità, non correremo infatti il rischio di trovarli sverniciati dopo due uscite di pesca.


Un artificiale facilissimo da usare,  che permette anche ai pescatori meno esperti di ottenere un gran numero di catture perfino in condizioni molto difficili con trote particolarmente apatiche, situazione ormai abbastanza comune nei laghetti di pesca alla trota.