Shimano utilizza alcuni cookie temporanei, che consentono di ricordare l’utente mentre naviga sul nostro sito Web. Consentiamo inoltre a terzi (in particolare a Google) di utilizzare sui nostri siti Web i cookie analitici (sia temporanei che permanenti) al fine di raccogliere informazioni aggregate relative alle parti del nostro sito visitate più di frequente e di tenere monitorate le nostre pubblicità. Proseguendo la navigazioni accetti l'utilizzo dei cookie.

OK

Pubblicato il 03-10-2012 in Prodotto

Canna da pesca Speedmaster DDM

Speedmaster Dendoumaru

Questa serie di canne nasce da una precisa richiesta di mercato. Paradossalmente, chi pesca a bolentino di profondità è disposto a spendere parecchi soldi per il mulinello dedicando invece poche attenzioni alla canna;

Shimano, pur avendo a mio giudizio, la migliore canna per questo tipo di pesca, la Deep Power, ottima ma costosa, è stata costretta a sviluppare una famiglia di prodotti che oltretutto tenesse conto delle novità introdotte proprio nella categoria dei mulinelli elettrici dove, accanto alla classica taglia 4000, troviamo ora i 1000 ed i 9000.

La mossa è senz’altro azzeccata anche perché una gamma completa di muinelli elettrici apre le porte a nuove tecniche di pesca, mai provate prima, dall’inchiku profondissimo al Tenya Mediterraneo fino alla nuova pesca del totano, che sta riscuotendo sempre maggiori consensi.

Dovendo rientrare in una fascia di prezzo ben precisa, la canna nasce con alcuni compromessi. Shimano ha dovuto giocoforza utilizzare componenti diversi rispetto alla Deep Power tant’è che sono scomparsi i preziosi anelli Fuji SiC ovali a favore di anelli Shimano sempre con pietra in Carburo di Silicio, imprescindibili quando s’impegano fili trecciati. Anche le lunghezze delle canne sono state riviste ed accorciate leggermente: tale riduzione se da un lato ha consentito un risparmio proprio per l’impiego di un minore numero di anelli, dall’altro non ha penalizzato affatto l’azione.

 

 

Parlando di azione dobbiamo per forza di cose accennare alla caratteristiche del fusto: carbonio HPC 100 ossia ottenuto con tecnologia High Pressure Carbon che consente distribuzioni più omogenee nella sezione trasversale e quindi canne più leggere e reattive; la rapidità è conseguente alla compressione che il foglio di pre-impregnato subisce tra le sue spinte opposte create dal riscaldamento del mandrino e dalla depressione nel forno di cottura, virtù fondamentale quando si pesca a centinaia di metri di profondità visto che spesso è anche sinonimo di sensibilità.

Altri componenti degni di nota sono la crociera in alluminio per un uso in stand up, visto che i mulinelli elettrici di Shimano sono così leggeri da consentire recuperi con canna in mano, ed il porta mulinello Pacif Bay, robusto e con ghiere di fissaggio precise per evitare fastidiosi giochi in pesca.

Riccardo Tamburini

Disponibile presso i migliori Shimano Shop!