Shimano utilizza alcuni cookie temporanei, che consentono di ricordare l’utente mentre naviga sul nostro sito Web. Consentiamo inoltre a terzi (in particolare a Google) di utilizzare sui nostri siti Web i cookie analitici (sia temporanei che permanenti) al fine di raccogliere informazioni aggregate relative alle parti del nostro sito visitate più di frequente e di tenere monitorate le nostre pubblicità. Proseguendo la navigazioni accetti l'utilizzo dei cookie.

OK

Pubblicato il 23-05-2012 in Magazine

Gara Club Azzurro Carpfishing con Shimano e Dynamite Baits

Lo scorso weekend siamo andati a documentare la seconda prova di Carpfishing di Club Azzurro, che determinerà le coppie che faranno parte della Nazionale di Carpfishing Italiana e che ha come Commissario Tecnico il nostro amico Alfonso Vastano. Una tre giorni svoltasi all' Idroscalo di Milano che ha incoronato vincitori della prova Alessandro Crosato e Ivano De Bortoli, che hanno utilizzato attrezzatura Shimano e Ace e hanno pasturato con i prodotti Dynamite Baits.

Possiamo rivivere le emozioni di questa gara attraverso le parole di Alessandro e di Ivano, oltre a due brevi filmati girato sabato pomeriggio.

"Contrariamente alle previsioni il lago Idroscalo di Milano si è dimostrato assai ricco di catture in occasione della seconda prova del club azzurro 2012, grazie anche ad una recente immissione di pesce svoltasi alcuni mesi fa. Proprio queste piccole ma combattive carpe sono state le protagoniste della gara. Fin dalla prima ora di gara abbiamo capito a seguito di catture di piccole carpe effettuata da coppie del nostro settore, che bisognava cercare di fermare proprio i piccoli branchi di pesci immessi che pascolavano nel lago. Per questo la nostra strategia si è basata su una pasturazione fatta a step e composta di granaglie miste con prevalenza di mais, ma anche canapa e tiger nut già pronte in barattolo della Dynamite Baits

per aver un'esca sempre pronta all’occorrenza. Le granaglie sono state accompagnate da pellet XL a scioglimento veloce e da boiles fruttate. All’Idroscalo, la strategia è quella della pesca a lunga distanza, cercando fondali duri, scalini o secche nel sottoriva, spot troppo spesso snobbato dai carpisti.

L’ottima posta sorteggiata, ma anche la buona preparazione atletica, ci hanno permesso di essere sempre lucidi e di capire il movimento del pesce, che ha iniziato a nutrirsi nel canalone centrale del lago, avvicinandosi a riva nelle ore notturne, regalando catture anche sulle secche presenti a 30 metri da riva. Oltre a molte carpe, anche diverse breme si sono abbuffate nel generoso letto di pastura preparato. La pasturazione eseguita al massimo della distanza possibile è stata fata grazie all’ausilio di ottimi attrezzi, come la Tribal Carp Spod. Quello dell’Idroscalo è un campo gara non facile, molto tecnico, dove l’attrezzatura impiegata aiuta a fare la differenza: obbligatorio è l’uso di lenze fini, ma molto resistenti all’abrasione causata dagli scalini presenti sul fondo, e di canne da 3,5 lb per raggiungere la maggior distanza possibile. L’acqua molto trasparente ha inoltre reso necessario l’impiego di terminali invisibili realizzati con fluorocarbon. Oltre all’ottima posta, che certamente ha aiutato, anche l’utilizzo di esche di ottima qualità è stato determinante."

Alessandro e Ivano




Facciamo i nostri complimenti alla coppia vincente e gli auguriamo di continuare con questi risultati per continuare ad inseguire il sogno tricolore!