Shimano utilizza alcuni cookie temporanei, che consentono di ricordare l’utente mentre naviga sul nostro sito Web. Consentiamo inoltre a terzi (in particolare a Google) di utilizzare sui nostri siti Web i cookie analitici (sia temporanei che permanenti) al fine di raccogliere informazioni aggregate relative alle parti del nostro sito visitate più di frequente e di tenere monitorate le nostre pubblicità. Proseguendo la navigazioni accetti l'utilizzo dei cookie.

OK

Pubblicato il 05-03-2012 in Prodotto

Come catturare grandi calamari con Rapala IKADO

L' Eging fishing è tornato prepotentemente di moda negli ultimi anni, soprattutto nei nostri mari, ricchi di cefalopodi, prede che possono regalare grandi soddisfazioni a chi tenta di insidiarli.

Rapala, in occasione dell' EFFTEX 2011, ha lanciato sul mercato i propri artificiali per la pesca alla seppia e al calamaro: IKADO!

Il nome Ikado deriva da due ideogrammi giapponesi:
-IKA significa letteralmente “inchiostro” e si intuisce il diretto collegamento con il calamaro.
-DO sta invece a significare “la via a”.
IKADO è dunque per Rapala “La via ai calamari”.


Rapala IKADO è dotato del rivoluzionario sistema SWS (Swing Weight System).
Questo sistema brevettato permette l’oscillazione libera dell’artificiale e aumenta notevolmente la sensibilità in pesca, in particolari modo quando l’esca si trova sul fondo. Rapala IKADO mantiene sempre la corretta posizione in pesca.
Quello che rende però davvero unico questo artificiale è la possibilità di sostituire i piombi in maniera pratica ed efficace. Grazie al sistema SWS è possibile applicare per ogni artificiale, anche di diversa misura, un piombo di qualsiasi grammatura, in modo da soddisfare ogni necessità di lancio e affondamento senza interferire sull’azione e il bilanciamento dell’artificiale.
Gli artificiali Rapala IKADO sono disponibili in due versioni: esche a corpo rigido (IKADO 101) ed esche a corpo morbido (IKADO 102).

Antonio Varcasia, consulente per Rapala e Shimano, ci spiega nel dettaglio tutte le caratteristiche di questi straordinari artificiali.